retina poster pdf.jpg

ReTInA

Revitalisation of Traditional Industrial Areas

ReTInA (Revitalisation of Traditional Industrial Areas) è un progetto finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito degli interventi per il Sud Est Europa.

L’oggetto della collaborazione internazionale — che ha visto coinvolte Provincia e Comune di Ferrara assieme a partners in Ungheria, Grecia, Slovenia, Slovacchia, Romania e Bulgaria — è stato lo studio di soluzioni innovative e sostenibili con cui avviare processi di rigenerazione delle aree industriali interamente o parzialmente dismesse. Il progetto richiedeva che i processi di rigenerazione delle aree avvenissero secondo modalità di coinvolgimento degli stakeholders  afferenti l’area. I casi di studio erano accomunati, oltre che dallo stato operativo e dalla dimensione fisica, anche dalla contiguità con fiumi di particolare rilevanza e dalla stretta relazione con aree urbane residenziali.

La Provincia (partner del progetto) ed il Comune di Ferrara (autorità di gestione del territorio) hanno identificato la fascia industriale di vecchio impianto a ridosso del canale Boicelli, dal Po di Volano a sud al Po di Pontelagoscuro a nord, ritenendola coerente con i presupposti del progetto europeo.

L’area ex Alc.Este. è stata coinvolta in un processo iniziato a novembre 2009 e concluso a dicembre 2012. Tale percorso ha visto il susseguirsi di tre macro fasi: una prima fase di analisi del contesto e di ascolto degli stakeholders locali, una seconda fase di progettazione condivisa e una terza ed ultima fase dedicata all’assunzione degli impegni.

Il progetto ReTInA, coordinato dall’architetto Saveria Teston, risulta di alto valore metodologico, in quanto ha individuato modelli standardizzati per la gestione di processi di rigenerazione urbana in aree industriali dismesse.

Per saperne di più: